"Non sapendo quanto sia vicina la verità, gli uomini la cercano lontano, sono come colui che in mezzo all’acqua chiede implorante da bere" 

(Hakuin. Ref. Ca.Sa.Su.cap.V – Su.Sa.Ci.cap.XXIV – As.Hr.Su. cap.II)

LA ROUTINE QUOTIDIANA IN AYURVEDA

 
Consigli pratici su come gestire la routine quotidiana
in base al tuo dosha

L'Ayurveda spinge verso il vivere consapevolmente ogni momento della giornata, verso stili di vita che vadano a mantenere o ristabilire l'equilibrio nella propria costituzione fornendo anche regole precise al riguardo. 

Oltre alle regole generali della routine quotidiana e stagionale che vedremo di seguito, esistono diversificazioni nelle azioni consigliate a seconda di quale dosha sia squilibrato e preponderante.

In questa sezione vi forniremo dei consigli in base al vostro dosha che vi permetteranno di vivere la giornata in modo più sereno, alleviare i sintomi degli squilibri (es. insonnia, gonfiore, rabbia, letargia, stipsi, ecc.) e aumentare il livello di energia. Il fine ultimo è quello di vivere una vita lunga in salute e di scoprire ciò per cui siamo nati. Rimuovendo i blocchi che ci impediscono di perseguire la nostra missione, riusciremo a vivere la nostra vita in armonia con il nostro spirito, l'universo e con senso di pienezza e amore.

IL RISVEGLIO

Secondo la medicina indiana il segreto sta nel modificare per gradi la propria routine mattutina rendendo il momento del risveglio il più naturale e dolce possibile.

Il risveglio dovrebbe avvenire 2 ore prima dell'alba ed è un momento molto importante in cui, dopo l'evacuazione, si dovrebbe meditare, fare esercizi yoga e respirazione.

ESERCIZIO FISICO

L'esercizio fisico è sempre raccomandato ma nella giusta misura, in base all'età, alla forza, alla condizione fisica e alla propria costituzione.

PULIZIA

E' fondamentale la pulizia dei denti, della lingua, del viso, degli occhi e del naso con tecniche e preparazioni naturali specifiche.

AUTOMASSAGGIO (Abhyanga)

L'automassaggio Abhyanga va praticato ogni giorno prima della doccia con gli oli da massaggio vata, pitta, kapha o l'olio di sesamo maturato che sono in grado di veicolare all'esterno le tossine, che poi saranno rimosse con la doccia tiepida.

Si consiglia di utilizzare saponi naturali a formulazione ayurvedica, poco schiumosi come gli shampoo Vata, Pitta e Kapha e l'ayurdoccia.
Il massaggio parte dal capo, compresi i capelli e scende fino ai piedi, insistendo sulle piante, dove vi sono punti molto importanti per il benessere di tutto l'organismo. Guarda il video per comprendere i passaggi. 

MUSICHE

L'ascolto di musiche specifiche ha un effetto riequilibrante immediato sui dosha, come anche l'uso di oli aromatici da utilizzare nei diffusori o da annusare semplicemente quando abbiamo bisogno di pacificare un dosha  squilibrato, per esempio.

RIPOSO

E' consigliabile andare a letto presto, entro le 22, e almeno 2 ore dopo aver cenato. Prima di coricarsi è consigliato meditare e fare un esame critico della propria condotta. 6/7 ore di sonno dovrebbero essere sufficienti.

 
 
 
 
 
 
Dosha Vata

Per pacificare Vata è molto importante creare una routine regolare nel corso della giornata  per creare calma e prevedibilità e rallentare i ritmi, fisici e mentali, in modo da ridurre l’agitazione e abbassare i livelli di cortisolo, l'ormone dello stress.

Vata ha bisogno di essere ben nutrito, idratato, non solo con i liquidi ma anche con sostanze grasse.

Fin dal mattino è consigliabile:

  1. puntare la sveglia in tempo per consentirsi un risveglio dolce, evitando di proiettarsi immediatamente sulle cose da fare.

  2. Rimuovere le tossine dal cavo orale con olio di sesamo, eseguire l'automassaggio (abhyanga) e poi una doccia tiepida. Liberare anche l'intestino e la vescica.

  3. Consumare con calma una colazione calda e nutriente, senza sostanze stimolanti. Meglio sostituire il caffé con l'acqua calda con limone.

  4. Fare meditazione, esercizi di pranayama e yoga con musiche calmanti.

  5. Scegliere abiti caldi ed evitare l'esposizione al vento.

  6. Pranzare seduti, con calma, più o meno sempre alla stessa ora, prevedendo cibi speziati adatti a questa fisiologia.

  7. Dopo pranzo fare un pisolino

  8. Al termine del lavoro svolgere attività fisica dolce come passeggiate in natura, yoga, nuoto ecc. Sono assolutamente sconsigliate l’aerobica o altre discipline eccitanti.

  9. Consumare una cena leggera almeno 2 ore prima di andare  a dormire.

  10. In serata concedersi attività rilassanti in compagnia. Ottime anche le attività creative d la lettura.

  11. Trasformare il momento di andare a letto in un piacevole rituale, indossando indumenti caldi e morbidi ed assumendo una tisana specifica con proprietà calmanti. E’ utile vaporizzare nella stanza oli aromatici e abbassare le luci.

  12. L'attività sessuale andrebbe praticata con moderazione, in sintonia con se stessi e la propria natura.

Dosha Pitta

Il soggetto Pitta ha un possente fuoco digestivo, è portato alle infiammazioni e ad avere manifestazioni di rabbia.

Il soggetto Pitta già dal mattino dimostra una grande energia. Essendo molto veloce ed impaziente si prepara velocemente, consuma un'abbondante colazione ed esce.

 

Il soggetto Pitta, dunque, dovrebbe  controllare l'impazienza e cercare di rallentare i suoi ritmi, di concedersi di masticare di più, anche se non ha problemi digestivi e limitare le sostanze eccitanti.

Al soggetto Pitta si consiglia:

  1. Svolgere lavori dinamici in cui possa scaricare l'eccesso energetico.

  2. Utilizzare alimenti rinfrescanti, dolci, astringenti, amari, nutrienti ed inoltre deve fare attenzione agli eccessi.

  3. Praticare meditazione, esercizi di pranayama, radicamento, tramite i quali entrare in contatto con se stesso e trovare il modo di gestire le sue emozioni ed in particolare la rabbia.

  4. Bere in abbondanza acqua bollita e limitare le sostanze eccitanti.

  5. Riposare dopo i pasti anche senza addormentarsi

  6. Scaricare l'energia ed il calore attraverso l'attività fisica dinamica. 

  7. Evitare di esporsi al calore.

  8. Concedersi momenti di svago a contatto con gli animali e la natura, leggendo e dando sfogo alla creatività.

  9. Utilizzare indumenti naturali e freschi e traspiranti.

  10. Evitare le situazioni e le attività che risvegliano la rabbia

  11. Consumare una cena leggera e bere una tisana rinfrescante e pacificante per evitare di svegliarsi più volte la notte.

Dosha Kapha

Il soggetto Kapha è spesso sovrappeso, letargico, calmo, affidabile, radicato, paziente, con scarsa iniziativa e un metabolismo rallentato.

Ha bisogno di smuovere il suo metabolismo assopito, per cui deve svolgere ogni giorno attività fisiche tonificanti e stimolanti; è ottimo il ballo che riesce a smuovere questi soggetti dal loro torpore.

Ai Kapha si consiglia meditazione, lo yoga con un particolare accento sugli esercizi respiratori per aumentare l'apporto energetico.

Fin dal mattino si consiglia:

  1. Limitare l'assunzione di cibo scegliendo pietanze leggere e ben speziate per potenziare il fuoco digestivo.

  2. non eccedere con carboidrati, dolci, grassi e liquidi, in quanto tende ad accumulare.

  3. Svolgere un lavoro dinamico.

  4. Restare al caldo perchè tende a raffreddare.

  5. Non dormire dormire dopo i pasti e assumere carboidrati la sera.

  6. Coltivare e stimolare il suo fuoco interno, quindi la digestione e il metabolismo, ma anche in termini di passioni, emozioni, che possano spingerlo a trovare ciò per cui valga la pena alzarsi dal divano.

 

ALTRI APPROFONDIMENTI

Armonia Ayurvedica

Scopri cosa rappresenta l'Ayurveda e qual è il suo scopo prioritario.

La Medicina Ayurvedica

Scopo prioritario dell'Ayurveda è la Prevenzione e poi la Cura delle malattie.

I Dosha

Dosha è una parola sanscrita che significa "ciò che va velocemente fuori equilibrio"

OLI ESSENZIALI E DA MASSAGGIO

Vuoi ricevere una consulenza privata gratuita?

La nostra naturopata è a tua completa disposizione